Angelo Pintus

Pintus

Dopo il successo teatrale dello spettacolo Ormai sono una milf, in scena nelle ultime due stagioni con più di 250.000 presenze, Angelo Pintus torna alla carica con il suo nuovo spettacolo E se fosse stato il cavallo?!, in esclusiva nazionale al Teatro Manzoni di Milano. Pintus torna a raccontare la vita in modo irriverente e sarcastico, dai rapporti sociali al lavoro. Il nuovo spettacolo parla della tendenza a dare la colpa a qualcun altro delle nostre azioni, dei nostri sbagli… E se fosse stato il cavallo? Uno degli animali più innocui del mondo? Con questo titolo provocatorio Pintus ci porta a riflettere, ridere e ironizzare sui nostri atteggiamenti nella vita di tutti i giorni. Il successo di Angelo Pintus gli permette oggi di poter presidiare il Teatro Manzoni con ben 6 mesi di repliche, dal 30 ottobre al 29 aprile, con la sicurezza di ritrovare il suo pubblico più fedele, i fan che lo seguono dai tempi di Colorado e delle sue mitiche imitazioni, ma anche di far ridere ancora chi lo ha scoperto a teatro e ha voglia vederlo di nuovo sul palco. Proprio pochi giorni prima delle sue nozze – tutti ricordiamo la proposta di matrimonio alla sua fidanzata che ha fatto commuovere l’Arena di Verona – gli abbiamo fatto qualche domanda e lo abbiamo trovato con la battuta pronta nonostante l’attesa per il grande giorno!

D: Hai da poco concluso un tour in cui raccontavi al pubblico la vita a quarant’anni e adesso siamo pronti per il tuo nuovo spettacolo. Di cosa ci parlerai questa volta?
R: Parlerò della vita a 42 anni…?!?!?! Parlerò della follia di questo ultimo anno, vedi i vaccini!

D: Hai iniziato la tua carriera dalla televisione per poi arrivare al teatro. Cosa preferisci di una e cosa dell’altro?
R: Il Teatro è casa mia, la Tv è quando vado a dormire in Hotel! Per quanto possa essere bello un hotel, non sarà mai come stare a casa.

D: Ci racconti un episodio particolare della tua carriera al quale sei particolarmente legato?
R: Beh sono tanti, sicuramente rimarrà nella mia testa quella confusione mentale mista a felicità che ho provato la prima volta che sono andato in onda a W Radio 2 con Fiorello e Baldini!

D: Hai iniziato fin da piccolissimo con le imitazioni e poi hai deciso di intraprendere la strada dell’animazione per Valtur. C’è un personaggio comico al quale ti sei ispirato durante il tuo percorso?
R: Prendevo il treno anche di notte per andare a vedere Beppe Grillo. Ho ancora un paio di VHS dei suoi spettacoli. Idolo.

D: Lo scorso settembre è andato in onda uno dei tuoi spettacoli all’Arena di Verona, dove hai chiesto alla tua fidanzata di sposarti. Dobbiamo aspettarci altri colpi di scena da questo tour?
R: Non credo di chiedere il divorzio nello stesso modo, ma nella vita non si sa mai!

Acquista Biglietti

Indietro