MotoGP Misano – Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini

MotoGP Misano - Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini

Il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini è un appuntamento dai mille significati: è una delle gare motoristiche più importanti in ambito mondiale, ma è anche il “luogo” in cui la passione per i motori e per le due ruote si esprime in modo ineguagliabile (producendo inoltre un’inesauribile fucina di talenti). E’ il “crocevia” del Campionato Mondiale in cui si decidono i destini degli aspiranti al titolo, ma è anche un luogo magico in cui gli enfant terribles possono mettersi in mostra agli occhi di appassionati e tifosi. E’ idealmente l’ultimo grande appuntamento sportivo italiano estivo, ma è anche l’inizio di un “autunno caldo” in cui i Campionati Mondiali di categoria vanno a decidersi. Basta questo per considerare il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini come un appuntamento assolutamente imperdibile e da vivere in ogni suo istante. Il grande atteso è ovviamente Valentino Rossi: dopo aver conquistato per tre anni consecutivi il secondo posto assoluto – mostrando così sempre una grandissima competitività – il “dottore” – è più agguerrito che mai nel conquistare la “decima” (il decimo titolo mondiale, al momento Rossi ne conta nove di cui 6 nella MotoGp) sospinto dal tifo incondizionato del suo “popolo”, pronto ad affollare le tribune del circuito e sostenere il proprio idolo.

L’obiettivo però non è semplice: nelle gare iniziali si sono viste alcune conferme (le Honda di Marquez e Pedrosa) ma anche alcune piacevoli sorprese: in primis il compagno di scuderia Maverik Vinales, oramai diventato un serio candidato al titolo finale, ma anche Andrea Dovizioso che sta facendo letteralmente volare la Ducati. Che possa essere lui la grande sopresa dell’anno? Tra gli altri italiani in gara nella classe MotoGp da segnalare anche Danilo Petrucci e Michele Pirro (in Ducati) nonché Andrea Iannone, che dopo un inizio-mondiale in chiaroscuro è voglioso di tornare a respirare l’aria dei primi posti. Prima della “gara madre” della MotoGp gli spettatori possono godersi un gustoso aperitivo con la Moto2 (con il nostro connazionale Morbidelli grande favorito, ma ben tallonato da Luthi e Alex Marquez) e con la Moto3 (con la “colonia italiana” formata tra i vari da Di Giannantonio, Fenati e Migno a inseguire la “colonia spagnola” dei Mir e dei Canet) sempre particolarmente spettacolare e combattuta. Nelle scorse edizioni del GP la vittoria è andata a Dani Pedrosa (2010  e 2016), Marc Marquez (2015), Jorge Lorenzo (2012 e 2011) e Valentino Rossi (2009-2008 e 2014). Il tracciato, intitolato alla memoria di Marco Simoncelli, è stato costruito nei primi anni ’70 subendo numerosi interventi migliorativi (dall’allungamento del tracciato alla costruzione dei nuovi box, senza dimenticare gli ammodernamenti della palazzina) passando così dagli iniziali 3.500 m agli attuali 4.226 m. Inoltre, in occasione del ritorno del Motomondiale, si è provveduto a invertire il senso di marcia dotando così il circuito di maggior appeal da parte dei piloti. Le celeberrime curve (la bruta pela, la quercia, il carro e il tramonto) sono tra le più impegnative del mondiale, e il grandissimo calore del pubblico lo rende unico nel suo genere. Misano vi aspetta, non perdete il mitico spettacolo delle due ruote!!

 

Acquista Biglietti

Indietro