Panariello, Conti, Pieraccioni

PCP_foto di Leonardo Baldini

E’ dal Teatro Ariston, in occasione della serata finale della 66esima edizione del Festival di Sanremo, che il trio di amici da sempre annuncia il ritorno insieme sulle scene. Leonardo Pieraccioni e Giorgio Panariello arrivano a sorpresa dal pubblico e raggiungono sul palco Carlo Conti. I due propongono di ricostituire il trio comico che tanto successo riscosse tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio dei Novanta lanciando una nuova generazione di comici toscani. Ma c’è un problema. Carlo Conti è impegnatissimo in tv e quindi si dovrà cercare un sostituto. Con la comicità che li contraddistingue e delle battute davvero esilaranti si arriva all’annuncio della reunion e di un nuovo spettacolo.

A oltre vent’anni di distanza dal debutto, Giorgio PanarielloCarlo Conti e Leonardo Pieraccioni riformano quindi il trio per tornare a divertire e divertirsi insieme. Per loro stessa ammissione quello che stanno preparando è uno show inedito e ricco di sorprese, con sketch divertenti e uno sguardo sempre rivolto all’attualità. Una serie di gag, di situazioni e personaggi che fanno parte della loro storia ma inseriti in contesti diversi rispetto a quelli a cui il pubblico è abituato. Uno spettacolo a 360 gradi in cui cinema, teatro e televisione si intrecciano per un varietà unico. Ma come ha avuto inizio questo sodalizio?  Carlo Conti, in vacanza a Vibo Valentia nel 1986, incontra Panariello mentre imita Renato Zero e così lo presenta nel suo programma Succo d’Arancia dove debutta anche Leonardo Pieraccioni. I tre toscani formano così un trio comico chiamato Fratelli d’Italia che in Toscana furoreggia nei teatri, e che consolida una grande amicizia tra loro. Dalle ceneri di Succo d’Arancia nasce un programma, Vernice fresca.

La produzione si è articolata in 6 serie, per un totale di circa 100 puntate, trasmesse dal 1989 al 1993 sull’emittente locale Teleregione Toscana, dapprima in ambito locale, successivamente da tutte le emittenti affiliate al circuito nazionale di Cinquestelle. Tutte le edizioni sono state condotte da Carlo Conti. Sull’onda del successo televisivo, dal 1991 al 1993 è seguita una tournée nelle maggiori piazze e teatri toscani, che ha riscosso un grandissimo successo. Nel complesso di realtà locale la trasmissione raggiunse un piccolo record: 150.000 spettatori a puntata e si calcola che la tournée complessivamente ne coinvolse altrettanti. Alla chiusura di Vernice fresca segue nel 1995 la trasmissione Aria fresca trasmessa su Canale 10, Videomusic e, per una sola puntata, su Telemontecarlo. Vent’anni dopo e ancora insieme, i tre amici, personaggi positivi e molto amati, si rimettono in gioco con grande umiltà, e tornano su un palco a farsi giudicare dal pubblico come quando erano poco più che ragazzini. Era stata scelta la magica atmosfera dell’Anfiteatro della città patria di Romeo e Giulietta, come location per l’unica esibizione inizialmente prevista.

Ma il pubblico ha accolto con tanto e tale entusiasmo la notizia che a questa data se ne sono aggiunte altre, anche in altre città. Ci vediamo al varietà!


Indietro