Luciano Ligabue

È uscito l’8 marzo il dodicesimo album d’inediti di Luciano Ligabue. Il titolo, Start, è solo uno degli elementi che ci trasmettono l’energia incredibile, l’entusiasmo che caratterizza questa fase della carriera del rocker di Correggio e che ritroviamo anche nell’annuncio del nuovo tour negli che lo vedrà protagonista dell’estate italiana. Abbiamo avuto il privilegio di fargli qualche domanda per capire meglio cosa ci aspetta dal vivo e siamo certi che l’energia del Liga contagerà anche voi e vi trascinerà, ancora una volta, sotto il palco per regalarvi un’esperienza da non dimenticare.

D: Nella tua biografia vieni presentato come cantante, autore, regista, scrittore, padre di due figli. In quale di questi ruoli ti riconosci di più e perché?
R: Spero di fare il mio meglio come padre. Per il resto mi sento soprattutto cantante delle canzoni che scrivo.

D: Hai appena pubblicato un nuovo album d’inediti, Start, il dodicesimo in studio. Come mai questo titolo? Siamo di fronte a un nuovo inizio? Una nuova fase della tua carriera?
R: So che sembra un po’ sfrontato se usato da uno della mia età ma è un titolo che ha una bella energia, fa pensare a un’avventura che comincia. Non so se sarà un nuovo inizio di qualcosa. Vedremo.

D: Dal 14 giugno sei impegnato in una nuova avventura live negli stadi di tutta Italia. A cosa stai lavorando? Puoi darci qualche anticipazione di quello che vedremo dal vivo?
R: Abbiamo un allestimento importante che ci permetterà una maggiore duttilità nell’uso di schermi e luci, la rodatissima squadra di sempre che garantirà il sempre elevatissimo livello tecnico, la band che ha voglia di spaccare, buona parte di Start da suonare e parecchio del mio repertorio più conosciuto per fare festa.

D: Dopo tanti anni di concerti e tour interminabili che hanno infiammato le platee di tutto il mondo, quali sono gli stimoli che ti portano ancora sul palco, a contatto diretto col tuo pubblico?
R: Il fatto che sia la cosa più bella che mi possa capitare.

D: La tua musica parla almeno a tre generazioni diverse di fan. Il tuo pubblico è cresciuto con te e si rinnova continuamente. Come fai a parlare a persone così diverse e a trovare un canale di comunicazione così potente con ognuno di loro? Qual è il tuo segreto?
R: Non so se c’è un segreto e se ci dovesse essere francamente non saprei quale. Però sono felice che le cose stiano così e cerco di goderne gli effetti più che posso.

Acquista biglietti

Torna