Matera 2019

matera

Il programma di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, frutto del coinvolgimento di creativi lucani, network europei e cittadini, sia residenti che temporanei, si sviluppa su 48 settimane con iniziative ogni giorno, distribuite nella città e in regione, con l’ambizione di contribuire a prefigurare il futuro cercando di dare risposte alle domande poste dai 5 temi del dossier di candidatura: Radici e Percorsi, Continuità e Rotture, Futuro Remoto, Utopie e Distopie, Riflessioni e Connessioni.

L’anno infatti si dipanerà come un grande racconto della storia dell’umanità, una grande sinfonia divisa in quattro stagioni e cinque movimenti: quattro grandi mostre che racconteranno Matera e la Basilicata dal passato al futuro: Ars Excavandi sulle città rupestri nel mondo (curata dall’architetto e urbanista, esperto Unesco Pietro Laureano, inaugurata a Matera il 20 gennaio); Rinascimento visto da Sud incentrata sulle più importanti emergenze culturali (curata da Marta Ragozzino, Direttrice del Polo Museale della Basilicata, aprirà a Matera il 19 aprile); La poetica dei numeri primi sulla scienza e la matematica con un focus su Pitagora (curata da Piergiorgio Odifreddi, uno dei maggiori divulgatori scientifici italiani, verrà inaugurata il 21 giugno a Metaponto);  Blind Sensorium. Il paradosso dell’Antropocene che indaga la nuova era geologica definita dalle azioni dell’uomo (curata dal fotografo e film-maker Armin Linke, sarà inaugurata a Matera il 6 settembre). Fra gli appuntamenti imperdibili ci sono la creazione di PURGATORIO – Chiamata Pubblica per la Divina Commedia di Dante Alighieri in collaborazione con Fondazione Ravenna Manifestazioni/Ravenna Festival (17 maggio/ 2 giugno); la messa in scena  di un’opera lirica, La Cavalleria Rusticana, allestita e performata nei Sassi con la comunità protagonista e in collaborazione con il Teatro San Carlo di Napoli (dal 2 all’11 agosto); l’anteprima assoluta  il 18 luglio presso la Cava del Sole  del nuovo spettacolo dedicato ai 50 anni della discesa del primo uomo sulla Luna, con musiche del grandissimo Brian Eno.

Nessuno a Matera sarà un semplice turista, ma avrà la possibilità di inserirsi nella dimensione comunitaria che caratterizza il percorso di Matera 2019, grazie anche allo speciale “Passaporto per Matera 2019”, uno strumento  che consente  non solo di accedere a tutte le manifestazioni organizzate dalla Fondazione nel 2019, ma di acquisire la cittadinanza temporanea da cui deriva un diritto-dovere: il diritto di vivere con calma e approfondimento l’offerta culturale e il dovere di portare un libro a Matera, simbolo della propria idea di cultura.

Acquista biglietti

Torna