Rafting sonoro Recensione

di redazione Vinyl

Hanno 35 anni di attività alle spalle, i torinesi CCC CNC NCN (si pensa – ma non è mai stata data conferma – sia l’acronimo di “chi c’è c’è, chi non c’è non ce n’è”), e sono ancora alimentati da una spinta creativa che pare inesauribile.
La loro proposta di sperimentazione e industrial non è per tutti e può risultare difficile, ma la loro personalità e il loro status sono materia che scotta (il loro esordio Suicidio, modo d’uso del 1989 è un cult).

Questo concept è dedicato all’universo della radio: “Diffidate dei podcast, delle farfalle spillate. La radio è libera perché non si ferma da nessuna parte e non lascia tracce né scorie dietro di sé. Viviamo in un eterno presente, il passato lasciamolo al Moloch digitale ed ai suoi tristi sacerdoti”.

CONTINUA A LEGGERE SU DEAGOSTINIVINYL.COM

 

(Articolo originale su Rockol.it)

Torna

Tutto su CCC CNC NCN